Siria in fiamme: il gioco sporco di tutte le parti.

Siria: 17.000 le vittime accertate. Un massacro: di fronte ai morti e
alla guerra però occorre non prendere posizioni “manichee” e pensare
che “buoni e cattivi” siano bene identificabili. Sopratutto non si
deve cedere a semplificazioni che vorrebbero in Sira una delle “tante”
primavere arabe” dove un popolo oppresso lotta contro un dittatore
“cattivo”. E’ quanto sostengono, con punti di vista diversi, Stefano
Vernole, redattore di “Eurasia” e Mario Villani, commentatore di
vicende mediorientali e testimone diretto dell’attuale situazione.
Saranno entrambi a Volano il prossimo Venerdì 21 settembre alle ore
20.30 presso l’Aula magna delle scuole elementari (Via Raffaelli)
invitati dalla Associazione “La Torre” per parlare di cosa stia
realmente accadendo in Siria oggi.
“In questo momento in Siria le forze fedeli al Presidente Bashar Al
Assad sembrano avere la meglio nei confronti dei ribelli dell’Esercito
Libero Siriano (ELS) – ci ha detto Vernole – ma non è certo facile fare previsioni su quanto
accadrà nell’immediato futuro. Dal mio punto di vista è probabile che
si assisterà ad un’accelerazione della guerra durante il passaggio dei
poteri presidenziali negli Stati Uniti (a prescindere dalla vittoria
di Obama), per tentare di raggiungere l’obiettivo finale del conflitto
scatenato da oltre un anno contro il Governo di Damasco, cioé l’Iran,
principale alleato della Siria nella regione. I precedenti tentativi
di giungere alla pace si sono risolti in un nulla di fatto, a causa
dell’ostilità di alcuni paesi che preferiscono mantenere una
situazione di ostilità e la Siria destabilizzata. Se davvero si fosse
voluto raggiungere un accordo si sarebbe partiti dalle medesime
considerazioni espresse sia dalla missione della Lega Araba sia dagli
osservatori delle Nazioni Unite guidati da Kofi Annan, per i quali
“gran parte delle violenze sono riconducibili a entità armate e gruppi
di opposizione armati coinvolti nell’uccisione di civili”. Per questa
ragione entrambe le missioni sono state sospese e dubito che l’attuale
tentativo diplomatico, guidato da Lakhdar Brahimi (uomo storicamente
vicino ai sauditi) avrà miglior fortuna; come ha ribadito lo stesso
Papa Ratzinger durante la sua recente visita a Beirut, bisogna
impedire l’afflusso di armi in Siria, ma gli sponsor occidentali,
sionisti e islamici dei ribelli siriani non ne hanno la minima
intenzione … Le cifre delle vittime sono difficili da quantificare,
può essere che quella di 17.000 si avvicini alla realtà ma tenendo ben
presente cosa sta davvero accadendo. Non si può prendere ad esempio il
rapporto all’ONU sui diritti umani stabilito da Karen Kining Abu Zaid,
che attribuisce le uccisioni esclusivamente all’esercito di Assad, in
quanto si tratta della visione della direttrice del Middle East Policy
Council,finanziato da Exxon e da altre multinazionali statunitensi.
Teniamo presente che solo nel periodo compreso tra il 17 febbraio e il
12 luglio 2012 sono stati rapiti o sono scomparsi 1.975 soldati o
appartenenti alle Forze dell’Ordine del Governo di Damasco, cifre che
non comprendono coloro che sono stati liberati dalle autorità
competenti o i cui corpi sono stati ritrovati dopo essere stati uccisi
dai gruppi terroristici armati anti-Assad.

Quanto pesa la questione “religiosa” e quanto invece sono forze esterne, dinamiche internazionali, a non permettere una soluzione pacifica?

Credo che, così come accaduto per altre crisi scoppiate in passato
(Jugoslavia, Libia ecc.) le dinamiche internazionali superino di gran
lunga quelle interne, che tuttavia esistono. Prolungandosi per oltre
un anno i combattimenti, le tensioni tra le varie comunità si sono
effettivamente esacerbate e rischiano sempre più di degenerare in una
sorta di guerra civile tra le differenti comunità etniche e religiose,
così come accaduto in passato in Libano e oggi in Iraq. Questo è il
frutto più avvelenato della guerra voluta essenzialmente da alcuni
paesi occidentali, Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, in accordo
con altre nazioni dell’area, Arabia Saudita, Qatar, Turchia e Israele.
Con la scusa di voler proseguire il ciclo delle “rivolte arabe”,
questo gruppo di paesi chiede ad Assad di farsi da parte, quando per
oltre due anni il Presidente alawita è stato corteggiato ed
incoraggiato a riconoscere Israele e a rompere le relazioni
privilegiate che la Siria baathista intrattiene con Hezbollah in
Libano e con l’Iran … Se Assad avesse acconsentito ad esaudire le
richieste di Hilary Clinton e quelle di Ankara, che chiedeva
l’ingresso di 3-4 Ministri appartenenti alla fazione dei Fratelli
Musulmani nel Governo, l’azione di destabilizzazione sarebbe già stata
interrotta. Allo stesso tempo ormai la crisi siriana si è talmente
internazionalizzata che non potrà avere fine senza che prima si arrivi
ad una prova di forza (diplomatica o meno) tra le potenze eurasiatiche
guidate da Russia e Cina (le quali avanzano la tesi di un mondo
multipolare) e gli Stati Uniti d’America (che pretendono di guidare il
pianeta secondo i loro principi). Quanto pericolosa sia l’attuale
situazione di tensione per la pace mondiale è ormai evidente a tutti.

La Siria era un paese, (almeno così risulta dal racconto di padre Paolo Dall’Oglio, missionario gesuita cacciato dalla Siria, che è stato recentemente in Trentino), un luogo dove vivevano abbastanza pacificamente cristiani e mussulmani. Crede che si possa tornare indietro?

Effettivamente, anche in base alla mia esperienza personale, la
Siria è sempre stata una nazione nella quale convivevano pacificamente
le diverse componenti religiose presenti nel paese e questa è una
delle ragioni per le quali tutte le minoranze (dai cristiani ai curdi)
nell’attuale crisi si sono schierate nella loro quasi totalità dalla
parte del Governo di Assad. Una delle ragioni dell’aggressione esterna
subita da Damasco risiede proprio nella visione strategica del suo
Presidente, che il 1 agosto 2009 proclamò solennemente: “Una volta che
lo spazio economico tra Siria, Turchia, Iraq e Iran sarà integrato,
potremo collegare Mediterraneo, Mar Nero, Caspio e Golfo Persico, non
saremo importanti solo nel Medio Oriente ma diventeremo un passaggio
obbligatorio nel mondo per gli investimenti, i trasporti e altro
ancora”. Il 26 luglio 2011, in effetti, Iran, Siria ed Iraq firmarono
un importante accordo denominato “Gasdotto islamico”, della lunghezza
di circa 6.000 km, per trasferire 120 milioni di metri cubi di gas
naturale dal South Pars (il più grande giacimento del mondo che si
trova in Iran) all’Europa passando dal Libano e dalla Grecia. Come si
può notare rispetto alle intenzioni proclamate da Assad nel 2009
nell’accordo manca la Turchia … che ha preferito schierarsi dalla
parte dei paesi sunniti (gli Emirati petroliferi del Golfo) in quella
che le forze eterodosse wahabite e salafite finanziate da Riyad
intendono come un regolamento di conti nei confronti del mondi
islamico sciita. Ankara vede nella “primavera araba” evocata da Obama
la possibilità di assumere un ruolo di potenza regionale in Medio
Oriente, aggregando a sé tutte quelle forze che, come i Fratelli
Musulmani in Egitto e in Tunisia, cercano di coniugare l’Islam con il
libero mercato, i principi della “democrazia occidentale” e la non
ostilità ad Israele. Un calcolo che tuttavia, allontanando la Turchia
da Russia e Cina, rischia di trascinare nel baratro l’intero progetto
strategico intrapreso alcuni anni fa da Erdogan e dal suo Ministro
degli esteri Davutoglu, basato sulla dottrina geopolitica “zero
problemi con i vicini”. Questa tensione si riflette naturalmente anche
in Siria, dove la Fratellanza musulmana (sunnita) controlla buona
parte dell’opposizione ad Assad racchiusa nel Consiglio Nazionale
Siriano (CNS), una fazione politica strettamente allineata all’Arabia
Saudita, al Qatar e alla famiglia Hariri (che possiede anche il
passaporto saudita) in Libano.

’Italia a suo avviso può svolgere un qualche ruolo per risolvere questo momento drammatico per il popolo siriano?

L’Italia avrebbe sicuramente potuto svolgere un ruolo positivo per
contribuire a risolvere pacificamente la questione siriana se solo si
fosse allineata alle posizioni diplomatiche sostenute da Mosca, da
Pechino e da altri paesi del BRICS, anche in virtù degli stretti
legami economici e culturali che legano storicamente Roma a Damasco.
Invece l’Italia di Monti e di Terzi ha preferito ancora una volta
seguire pedissequamente le direttive atlantiste arrivate da
Washington, contribuendo addirittura all’addestramento dei ribelli
siriani in Turchia e pagando un duro prezzo in termini di bilancia
commerciale a causa delle sanzioni economiche comminate al Governo di
Damasco. Questo patetico allineamento, giustificato come al solito
dalle necessità “democratiche” e dalla propaganda massmediatica
portata avanti sia dai mezzi di comunicazione occidentali sia dalle tv
arabe “interessate” come Al Jazeera ed Al Arabiya, ignora volutamente
il massiccio sforzo riformistico intrapreso dal Governo di Assad già
dal 2011, per conferire tramite una riforma costituzionale maggiori
poteri al proprio popolo. La situazione di tensione bellica nel
Mediterraneo non potrà che aggravare anche la situazione sociale
dell’Italia, la cui credibilità internazionale è stata scossa
profondamente dalla crisi libica e dal tradimento operato nei
confronti di Gheddafi. I frutti di quel “capolavoro” diplomatico forse
sono oggi visibili alla maggior parte dell’opinione pubblica …

Dopo il veto di Russia e Cina dello scorso agosto, la comunità internazionale farà altri passi?

La soluzione alla crisi siriana non può che essere diplomatica,
pena il rischio dello scatenarsi di una Terza Guerra Mondiale. Ma
quali possono essere i paesi legittimati ad una nuova azione di
mediazione internazionale? Non certo quelli che addestrano
quotidianamente i “ribelli” o che destabilizzano da oltre un anno la
Siria con gli attentati confezionati dai propri servizi segreti. Mi
pare ovvio che solo un’azione diplomatica alternativa messa in campo
ad esempio dalle nazioni del BRICS possa sperare di ottenere risultati
positivi. Per fare questo occorre mettere fuori gioco tutte quelle
forze che si oppongono alla soluzione pacifica delle controversie in
Medio Oriente, il cui principale fattore di instabilità risiede
innanzitutto nella mancata risoluzione della questione palestinese. Un
nuovo processo di pace internazionale deve quindi collegare la crisi
siriana a quelle attualmente in corso in altri paesi, basti pensare
all’Iraq, dando spazio agli attori regionali effettivamente
interessati alla pace; questo necessita anche il riconoscimento
dell’Iran a detenere energia nucleare a fini civili.

Qual’è il ruolo di Israele in tuta la vicenda?

Il processo di “balcanizzazione” della Siria e, più in generale del
Medio Oriente, rappresenta da sempre uno degli obiettivi più
importanti perseguiti da Israele. La Siria di Bashar Al Assad è uno
dei maggiori avversari dello Stato sionista, molto di più della
retorica “islamista” dei Fratelli Musulmani o dei gruppi salafiti e
wahabiti, che dopo l’uccisione “provvidenziale” di Osama Bin Laden
sono stati mobilitati proprio in funzione anti-libica e anti-siriana.
Certo il ricorso alla manovalanza “islamista” finanziata dai Saud e
dall’Emiro del Qatar impone a Tel Aviv di mantenere un profilo “basso”
e di non esporsi eccessivamente, ottenendo in cambio di spaccare anche
il fronte palestinese che si trova ora senza lo storico sponsor
siriano. Sia il massacro di Gaza nel 2009, che quello operato a bordo
della Freedom Flottilla l’anno successivo, hanno consentito ad Ankara
e a Doha di elevarsi nel mondo arabo a paladini della causa
palestinese ma la loro opposizione ad Israele è stata solo una
finzione mediatica. Attualmente i “ribelli” siriani vengono
equipaggiati con armi provenienti dalla Libia tramite un ponte aereo
tra la capitale del Qatar (Doha) e la città di Antalya in Turchia, con
rifornimenti israeliani di missili anti-carro all’ELS. D’altronde dopo
la sconfitta subita contro Hizbollah nel 2006, Tel Aviv aspira alla
rivincita e teme notevolmente l’alleanza militare Siria-Iran-Libano
divenuta ufficiale nel febbraio 2010, uno schieramento al quale
potrebbe presto aggiungersi presto l’Iraq filosciita. Ecco perché
Israele è dovuto passare alla controffensiva, sia manipolando gli
avvenimenti libanesi (uccisione dell’ex premier Rafic Hariri) sia
sostenendo i gruppi militari che combattono contro Assad.

Ma la Siria per tradizione antica, era terra di “convivenza” tra
varie religioni. Cosa è cambiato? “Non si deve semplificare ed avere
un atteggiamento “manicheo” – ci ha risposto Villani, che ni Siria c’è stato recentemente – ho potuto
constatare di persona, parlando con la gente in Siria, che le persone
hanno più paura dei ribelli che del regime. Che certamente è
pesantemente burocratico e corrotto. Ma che fino a qualche tempo fa
aveva permesso la convivenza pacifica delle minoranze. Pensiamo
solamente che il ministro della difesa ucciso in un attentato, Dawoud
Rajiha era un cristiano ortodosso, anche se i cristiani rappresentano
solo il 10% della popolazione. Sullo sfondo della attuale situazione
c’è uno scontro tra islam sunnita e sciita. Ma gli sciiti nel governo
di Assad, sono della corrente alawita, non dei fondamentalisti, e
permettono la convivenza di più correnti reilgiose anche alla guida
del governo. Sono molto più “chiusi” i sunniti dell’Arabia Saudita
dove non è possibile nemmeno portare un crocefisso al collo”.

Versione integrale dell’articolo pubblicato su “L’Adige” del 21 settembre 2012.

Una risposta a “Siria in fiamme: il gioco sporco di tutte le parti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.